Avviso per gli utenti di Internet Explorer 8 o versioni più datate:

Questo sito non è stato progettato per la vostra versione di Internet Explorer!

Potete ottenere una nuova versione gratuitamente qui.

New X Ci sono nuove domande e risposte che non hai ancora visto!

La Psicologia Dei Bambini

Amministrazione

Incontinenza infantile

Per "incontinenza" si intende il deficit di controllo degli sfinteri ad un'età in cui dovrebbe oramai essere solidamente acquisito. Si chiama anche "enuresi" ed in pratica significa che il bambino fa ancora la pipì a letto dopo i tre o i quattro anni. Ci si aspetta, infatti, che il piccolo sia capace di usare il vasino verso il secondo anno di età e che non abbia più bisogno dei pannolini dopo i tre anni, ma le statistiche dicono che fino a cinque anni non c'è motivo di preoccuparsi, specialmente se nella famiglia ci sono stati altri casi di bambini "ritardatari" nell'acquisizione del controllo degli sfinteri.

Si tratta di un problema molto comune che di solito si risolve spontaneamente e raramente prosegue oltre la pubertà. Se non accompagnato da altri segnali di disagio può essere dovuto esclusivamente a fattori relativi a ritardi di maturazione organica. Di questo dovrà occuparsi il pediatra. Tuttavia il disturbo influisce sullo stato emotivo del bambino, provocando un senso di vergogna, colpendo la sua autostima e limitando il desiderio di partecipare ad importanti attività sociali (campeggio, boy scout, dormire fuori casa...), dunque dell'aspetto emotivo bisogna comunque occuparsi.

Contenitore che non contiene
Contenitore che non contiene

L'enuresi non ha nulla di consapevole o volontario, dunque è importantissimo non arrabbiarsi con il bambino, né sgridarlo e meno che mai punirlo, perché il suo senso di colpa è già molto forte e non si farebbe altro che aggravarlo, aumentando così il disagio e le conseguenze psicologiche. Inutili anche le promesse di premi se il letto sarà asciutto al mattino, perché anche così il bambino soffrirà sentendo di non averlo meritato. E' utile invece complimentarsi con lui quando non gli scappa, presentando la cosa come un suo personale successo.

L'incontinenza primaria, cioè quando non si raggiunge ancora il controllo, ha un significato diverso da quella secondaria o "regressiva" che si riferisce al controllo già acquisito che viene a mancare in un contesto psicologico difficile, come ad esempio un lutto in famiglia, una separazione, la nascita di un nuovo bambino, problemi scolastici e/o relazionali.

In questo caso, la causa contingente è da attribuirsi a stress psicologico. Per capire meglio bisogna riflettere su alcuni parametri: l'evento scatenante giustifica tale regressione? L'età del bambino giustifica una reazione regressiva anche verso un evento non eccessivamente traumatico? Qual'è il significato emotivo, per il bambino, di un evento, magari anche felice come una nascita, da rendere comprensibile una reazione regressiva?

L'incontinenza regressiva indica che il bambino è invaso da emozioni non contenibili nel suo apparato psichico e quindi se ne fa carico il corpo, per evacuarle ed agirle, sempre indipendentemente dalle sua facoltà consapevoli e razionali. Per fare un paragone, è come un bicchiere che contiene un liquido e che, se viene urtato e rovesciato, lascia colare fuori il suo contenuto. In questo caso la psicoterapia deve rendere "pensabili" queste emozioni rendendo il bambino consapevole di esse a livello cosciente, così che possano essere capite e contenute: non c'è allora più bisogno che parli il corpo.

Per chiarimenti su situazioni individuali: fate una domanda